Wellness & Healthy lifestyle

MASKNE, COME CURARE L’ACNE DA MASCHERINA.

immagine presa dalsito web metro.co.uk

Con il termine MASKNE si indica l’acne dovuta all’utilizzo della mascherina e si manifesta con comparsa di fastidiosi brufoli nella zona mento, contorno labbra, guance e naso. Possono anche manifestarsi rossore e prurito senza una vera e propria comparsa di brufoli. Per chi soffre già di acne si può notare un peggioramento notevole nelle zone sotto la mascherina.

Le Cause

  • Indossare la mascherina per più ore consecutive rende la zona più umida e sulla pelle si deposita una maggiore quantità di anidride carbonica, la temperatura risulta più alta e tutto ciò favorisce la proliferazione di batteri e microrganismi.
  • L’ostruzione dei pori non consente al sudore di fuoriuscire, infiammando la pelle causando un’eruzione cutanea ( brufolo)
  • Lo sfregamento meccanico della mascherina sulla pelle e lo scarso riciclo d’aria porta, soprattutto per chi ha cute sensibile, irritazioni e rossori localizzati.
immagine presa dal web

Accorgimenti da adottare

Lavare bene il viso con acqua tiepida e un sapone delicato ogni volta che rientriamo a casa e togliamo definitivamente la mascherina. Così facendo rimuoviamo il sebo, i batteri e tutto ciò che abbiamo detto svilupparsi sulla nostra pelle.

Nel caso si utilizzino mascherina lavabili è molto importante curarne la pulizia, per eliminare i batteri che potrebbero causare il nostro MASKNE.

SKIN ROUTINE COMPLETA

immagine presa dal web (google)

Per quanto riguarda i prodotti da utilizzare per evitare che si possa sviluppare questo fastidio, vi consiglio di prediligere creme dalla texture leggera/ultra leggera in modo da non occludere i pori e peggiorare la situazione.

La sera concediamoci qualche minuto in più per detergere accuratamente il viso, con un prodotto specifico per il proprio tipo di pelle, che sia ingrato di purificare bene ed in profondità.

Una volta a settimana utilizzate un prodotto esfoliante e una maschera idratante.

ATTENZIONE!

Abbiamo detto che il sebo in eccesso può ostruire i pori e portare alla formazione di eruzioni cutanee. Ma attenzione! Non esageriamo con prodotti troppo “astringenti” che chiudono i nostri pori. La pelle potrebbe seccarsi e portare ad una reazione inversa, ossia le ghiandole sebacee cominciano a produrre ancora più sebo!

Ma come si fa a capire se la pelle è troppo stressata dai prodotti e si sta seccando?

Se dopo la detersione avvertite la classica sensazione di “pelle che tira”o la vostra crema abituale non vi lascia una sensazione confortevole vuol dire che la nostra cute si sta disidratando.

Come trattare la pelle disidratata?

In questo caso dobbiamo idratare la pelle in profondità utilizzando creme e/o sieri che contengano sostanze altamente idratanti come ad esempio l’acido ialuronico.

Una/due volte la settimana fare maschere idratanti!

E soprattutto non vi dimenticate di bere tanta acqua! Volendo potete assumere integratori che aiutino a mantenere la giusta idratazione dei tessuti.

L’ARTICOLO E’ STATO SCRITTO DALLA DOTTORESSA ILARIA BUANNE. ( RESPONDABILE DERMOCOSMESI PRESSO LA FARMACIA DEL CORSO, FRATTAMAGGIORE)

Post non sponsorizzato.

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: